Casa a 1 euro: ecco in quali regioni è possibile acquistarla

Casa a 1 euro: ecco in quali regioni è possibile acquistarla

Casa a 1 euro

Ci sono regioni e comuni in tutta Italia che offrono la possibilità di acquistare casa a 1 euro con tanto di regolare bando che prevede determinate regole cui l’acquirente deve sottostare. Ecco quali sono.

Acquistare casa a 1 euro

Perchè vendere una casa a 1 euro

Innanzitutto capiamo le ragioni del perché vendere una casa a 1 euro. il motivo è molto semplice: è il tentativo dei sindaci di queste località di frenare e contrastare lo spopolamento di questi centri offrendo immobili a un prezzo risibile, purchè poi si garantisca un intervento di ristrutturazione e riqualificazione di quegli immobili.

Il sistema è molto semplice e vantaggioso sotto diversi punti di vista: il comune ha degli immobili inabitati, che versano in condizioni più o meno fatiscenti, situati in centri storici che negli anni si stanno spopolando. Offrendo la possibilità di compare casa a 1 euro si assicurano lo sviluppo dell’economia locale (anche a livello turistico), il ripopolamento della zona, la ristrutturazione di questi edifici e la loro riqualificazione.

Dove acquistare casa a 1 euro

Casa a 1 euro: regioni e comuni

Per poter acquistare casa a 1 euro nei comuni coinvolti nell’iniziativa bisogna accettare un progetto di rivalutazione, come detto, di questi edifici. Bisogna quindi mettere in conto di dover sostenere le spese notarili di registrazione, per le volture e per l’accatastamento e, una volta ottenuti tutti i permessi, provvedere a eseguire i lavori di ristrutturazione.

Il primo comune a permettere questa iniziativa è stato quello di Salemi, in provincia di Trapani (Sicilia) al quale poi si è aggiunto quello di Lecce nei Marsi (Abruzzo), Ollolai (Sardegna) e Regalbuto (Sicilia). È inoltre possibile trovare una casa ad 1€ anche a Gangi (Sicilia), Pizzone (Molise), Montieri (Toscana), Nulvi (Sardegna), Fabbriche di Vergemoli (Toscana), Carrega Ligure (Piemonte) e Patrica (Lazio).

Non è escluso che a questi, dato il successo dell’iniziativa, se ne aggiungano altri. Se interessati è consigliabile consultare i rispettivi bandi per conoscere nel dettaglio quali sono le condizioni proposte per questo progetto.

Leave a Reply